giovedì 3 dicembre 2009

ALOE VERA: La Pianta della vita!



I componenti di Aloe Vera possono essere suddivisi in ben 10 gruppi:

1. Vitamine

L'Aloe è ricca di tutte le vitamine esclusa la vitamina D. In particolare l'antiossidante vitamine A (beta-carotene), C ed E e contiene anche una traccia di Vitamina B12, una delle poche fonti vegetali di questa vitamina. Questo è importante per i vegetariani e I vegani.

2. Enzimi

Gli enzimi sono catalizzatori biochimici che assunti per via orale aiutano la digestione di grassi e zuccheri.
Uno in particolare, il Bradykinase, contribuisce a ridurre l'infiammazione dello stomaco e se usato localmente sulla pelle, su ferite o scottature riduce il dolore e aiuta la ricostruzione dei tessuti morti.

3. Minerali

Nell'aloe sono presenti calcio, potassio sodio, manganese, magnesio, rame, zinco, cromo e anti-ossidante Selenio. I minerali sono essenziali per il corretto funzionamento dei diversi sistemi enzimatici per il metabolismo.

4. Zuccheri

Si trovano nella parte interna della pianta e rivestono il gel, il succo. Sono conosciuti come mucopolisaccaridi, rafforzano il sistema immunitario e aiutano a disintossicarsi. L'Aloe Vera contiene sia mono che polisaccaridi, ma soprattutto glucosio e mannosio. Questi zuccheri sono ingeriti completamente dall'intestino, non vengono "ripartiti" come altri zuccheri, e compaiono nel sangue esattamente nella stessa forma. Questo processo è noto come pinocytosis. Una volta entrati nel flusso sanguigno sono in grado di esercitare il loro effetto immuno-ematologico. Alcuni di questi polisaccaridi prevengono il calo di zuccheri.

5. Antrachinoni

Ci sono dodici di questi composti fenolici che si trovano esclusivamente nella linfa delle piante. In piccole quantità hanno effetti anti-batterici e anti-virali, leniscono dolori gastrointestinali. L'Antrachinoni è effettivamente benefico in piccole quantità, se si eccede può provocare diarrea e non va assunto in gravidanza.

6. Lignina

Questo di per sé è una sostanza inerte, ma fa si che le sostanze presenti nell'Aloe Vera, vengano assorbite dalla pelle in modo assolutamente fuori dal normale potenziale di assorbimento della pelle.

7. Saponine

Queste sostanze formano circa il 3% del gel di Aloe Vera e sono le spazzine, depurano ed hanno proprietà antisettiche. Le saponine agiscono come antimicrobici nei confronti di batteri, virus, funghi e lieviti.

8. Acidi grassi

Colesterolo, campesterolo, Sisosterol e Lupeol. Sono importanti agenti anti-infiammatori.

9. Acido salicilico

Presente nell'aloe è anche un componente importante dell'aspirina.

10. Aminoacidi

Il corpo ha bisogno di 22 aminoacidi - il gel di aloe prevede 20 di questi. Strepitoso vero? Ancora più importante, fornisce 7 degli 8 aminoacidi essenziali che l'organismo non può sintetizzare.

tratto dal sito http://www.viveremeglio.it

Preparazione casalinga

Materie prime da utilizzare:

-Aloe arborescens 120g.

-Miele biologico 165g.

-Grappa 15 ml (corrispondenti ad un cucchiaio abbondante da minestra).

Apparecchiature necessarie:

-Frullatore commerciale con il cestello rivestito con pellicola d’alluminio.

-Recipienti di vetro scuro con bocca larga da 125 ml, da rivestire con pellicola d’alluminio, si acquistano in farmacia.

-Lampada rossa da camera oscura, oppure qualsiasi fonte luminosa a bassa potenza rivestita con pellicola di plastica rossa.

Prima di avventurarsi nella preparazione vera, sarà necessario fare delle prove per vedere se tutto funziona alla perfezione. Per le dosi non bisognerà essere particolarmente precisi, la bilancia da utilizzare dovrà avere una sensibilità di almeno 10 g. Sono ottime quelle elettroniche da cucina che offrono la possibilità di eseguire la tara, si trovano nei supermercati a prezzi modici. Per la preparazione bisognerà procedere in modo da essere veloci ma rigorosi nell’esporre il minor tempo possibile l’aloe alla luce diretta.

Dosi e somministrazione

La crema d’aloe va assunta al buio, o in luce attenuata (lampada rossa).

Di giorno occorrerà operare in una stanza buia, con porte e finestre chiuse.

Il preparato va assunto a digiuno, non bisognerà mangiare e bere per un’ora dopo averlo ingerito.

Il preparato va rimescolato prima di ogni assunzione.

Dosi:

2 cucchiai 3 volte al giorno oppure 3 cucchiai 2 volte al giorno, fino alla fine del contenitore da 350 g oppure dei 3 da 125 g.

Dopo la fine del primo ciclo bisognerà osservare 3 giorni d’interruzione, per poi cominciarne uno nuovo.

I cicli dovranno susseguirsi senza nessuna interruzione fino alla remissione completa della malattia, la cui scomparsa dovrà essere accertata dal medico curante mediante esami diagnostici. La cura dovrà essere proseguita per almeno tre mesi dopo la guarigione.

Avvertenze

-Il succo d’Aloe nei dosaggi terapeutici sopra riportati non dovrebbe avere nessun effetto lassativo.

-Il preparato potrebbe cambiare sapore e diventare più amaro.

-Chi ha problemi di glicemia può ridurre la quantità di miele, ciò comporterà un aumento del sapore amaro della preparazione e una riformulazione del dosaggio.

-Durante la terapia con Aloe bisognerà seguire un regime alimentare tale da favorire la guarigione.

Alimentazione consigliata

Alimenti sconsigliati: grassi animali, carni grasse, insaccati, formaggi stagionati, fritture, dolci, cibi preconfezionati. Come dolcificante è consigliabile usare il miele o il fruttosio.

Alimenti consigliati: verdure, ortaggi, legumi, frutta fresca, cereali, pasta, pane, carni magre, pesce fresco.

I prodotti alimentari dovranno essere assolutamente naturali e d’origine biologica.

Aloe come prevenzione del tumore

L’aloe potrà essere usato anche a scopo preventivo o per evitare recidive. In questi casi il dosaggio sarà il seguente:

1 cucchiaio 3 volte al giorno fino al termine di 2 contenitori da 125 g, i cicli dovranno essere ripetuti 2 volte l’anno.

Aloe nella terapia topica

L’aloe può essere utilizzato nella cura delle seguenti malattie: erpes, psoriasi, ferite con difficoltà di cicatrizzazione.

L’Aloe vera per uso topico seguirà la medesima procedura di preparazione e di conservazione del preparato per uso orale, ma escludendo i due eccipienti: miele e grappa.

La pasta d’aloe andrà spalmata, al buio o in luce attenuata, sulla parte da trattare 1 o 2 volte al giorno. La medicazione dovrà essere tenuta al buio per almeno 2 ore, se di notte tale operazione potrà risultare relativamente facile…di giorno occorrerà avvolgere la zona medicata con pellicola d’alluminio.

tratto da http://www.salvelocs.it/aloe.htm

Nessun commento:

Posta un commento