martedì 7 giugno 2011

COME LE AUTORITÀ SANITARIE STANNO USANDO LA PAURA PER L’E. COLI


DI MIKE ADAMS
Natural News
Anche se gli ospedali in Germania si stanno riempiendo di persone infettate da un ceppo super-potente e super resistente agli antibiotici di E. Coli che sembra essere stato bioingegnerizzato, le autorità sanitarie europee stanno cogliendo al volo l’opportunità per diffondere la paura per gli alimenti biologici quando ancora si ignorano le vere cause della contaminazione, ossia l’abuso di antibiotici nella gestione degli allevamenti.
Il valzer per l’attribuzione della colpa per l’E. Coli è diventato un gioco delle sedie. All’inizio hanno incolpato gli Spagnoli come forma di rappresaglia per la sua resistenza nell’accettare gli OGM. Tutto questo ha portato gli agricoltori spagnoli alla bancarotta con una selvaggia campagna di delegittimazione. Dopo aver devastato il settore agricolo spagnolo, hanno iniziato a instillare a casaccio il terrore su una serie di vegetali: prima i cetrioli, poi la lattuga e alla fine i pomodori.
E ora la colpa ha fatto il giro completo e viene attribuita ai produttori biologici di germogli in Germania!
A seguito,”L’EPIDEMIA DI E. COLI: I GERMOGLI DI SOIA NON POSSONO ESSERE RESPONSABILI” (Peter Walker, Guardian.co.uk);
Questi non sonno altro che venditori di fumo che sono riusciti a scatenare una guerra economica contro gli imprenditori agricoli. E ora viene fuori che l’ultimo giro del valzer della colpa contro i germogli era totalmente fraudolento: gli ultimi test rivelano che i germogli biologici NON sono contaminati dall’E Coli.
Il Wall Street Journal in questo momento riporta:
“Il ministro dell’Agricoltura della Bassa Sassonia ha riferito che 23 dei 40 campioni dalla azienda sospettata di essere la fonte dell’epidemia hanno dato esito negativo per il ceppo super-aggressivo e “super-tossico” del batterio E. Coli. […] Con una sorprendente svolta a 360 gradi, i funzionari tedeschi hanno detto che i primi test pubblicati lunedì non forniscono prove del fatto che i germogli provenienti da un’azienda biologica nel nord della Germania siano la causa dell’epidemia mortale di Escherichia Coli che si è diffusa nel paese”.
Come? Ma ieri questi germogli non erano stati incolpati di aver provocato l’epidemia?
La guerra economica e i venditori del terrore irrazionale
La verità è che stiamo assistendo a un valzer economico delle colpe portato allo spasmo per far sì che le autorità a tutela della salute distruggano la fiducia in un raccolto di verdure dopo l’altro. È diventato come un episodio di Godzilla, con il mostro che incarna l’autorità sanitaria tedesca che si scatena in città, schiacciando gli agricoltori ancora vivi, pronunciando appena il nome di quello che stavano coltivando.
CETRIOLI! No, aspetta. Ora sono i POMODORI! Un momento, niente da fare. Sono davvero i GERMOGLI! Un attimo. Nemmeno questi…
È diventata una fiera del nonsenso che si traduce in devastazione economica per gli agricoltori. Il vero nocciolo della faccenda è demonizzare le verdure fresche e convincere la gente che l’unico cibo sano è il cibo morto. Attraverso questa campagna distruttiva fatta con le chiacchiere, le autorità sanitarie europee possono allontanare le persone dal nutrirsi con le cose che davvero fanno bene alla salute: le verdure fresche e i germogli, che contengono farmaci naturali e fitonutrienti che prevengono malattie quali il cancro, le patologie cardiache, il diabete e l’Alzheimer.
Facendo scappare la gente da questi alimenti freschi, stanno spingendo le persone verso altre opzioni veramente salutari: il cibo lavorato, il cibo morto, le bevande pastorizzate e i vegetali irradiati o affumicati. In tutta l’Unione Europea e negli Stati Uniti, questa è stata la direzione verso cui si sono diretti gli ambigui legislatori sanitari negli ultimi anni. Tutto quello che ci vuole è solo un po’ di paura ingegnerizzata per l’E. Coli per convincere che il pubblico eviti praticamente tutte le verdure fresche!
E ora le vendite di lattuga, di pomodori, di cetrioli e di germogli sono sprofondate in tutta l’Europa… anche se non c’è evidenza di sorta che questi vegetali siano la fonte della contaminazione. Incredibilmente, quasi tutto il pubblico si sta sempre più convincendo chel’unico cibo sicuro è il cibo lavorato!
Sì, sì, ho capito… Bisogna stare attenti alle verdure fresche che ti potrebbero uccidere! Invece, mangia il tuo cibo morto e lavorato con i pesticidi e contaminato dagli OGM, che èproprio sano! Questa è l’incredibile conclusione della guerra che è stata ingaggiata contro i vegetali freschi, una guerra che sta usando le armi bioingegneristiche nelle forniture alimentari per creare il terrore e provocare morti tra gli innocenti consumatori.
*********************************************************

Nessun commento:

Posta un commento