lunedì 26 novembre 2012

Per quelli che: "Se guardiamo tutto allora non dovremmo più mangiare niente…"


Eh va beh, se guardiamo tutto allora non dovremmo mangiare più niente…



Questa è la frase che in genere tutti coloro che vogliono mettere in guardia le persone dai pericoli presenti nel cibo si sentono dire… E questo può essere molto frustrante!
Una persona mi ha scritto chiedendomi cosa rispondere a queste persone… Ho pensato fosse utile per tutti condividere la mia risposta:
Domanda incriminata  ”Se guardiamo tutto allora non dovremmo più mangiare niente…

Cosa penso io di questa domanda:

A mio parere è una domanda figlia dell’ignoranza. Nessuno di coloro che la pronunciano mangerebbe del veleno per topi, perchè sa che quel veleno gli farebbe male, ne è pienamente consapevole… Invece tutti mangiano determinate schifezze perchè non sanno ( e non vogliono sapere) che gli faranno del male…
La differenza principale tra il primo caso ( il veleno per topi) e il secondo ( schifezze varie) risiede nel tempo che l’effetto negativo ci mette a manifestarsi: se mangi del veleno per topi stai male subito, se invece mangi ogni giorno il dado contenente glutammato non stai male subito, ma con tutta probabilità starai molto male in futuro…
Quando poi starai male difficilmente collegherai quello stare male con ciò che hai mangiato nei 20 anni precedenti…
Quindi, mangiare veleno per topi o mangiare determinate schifezze moderne è molto, molto simile, ma per la percezione umana sembra che il primo faccia davvero male perchè si manifesta subito, mentre il secondo in fondo non faccia nulla, in quanto i suoi effetti si manifestano nel tempo senza quindi un collegamento chiaro causa-effetto.
Le persone che pongono queste domande non vogliono saperne di cambiare, il più delle volte risulta inutile qualsiasi argomentazione… È già un ottimo obbiettivo riuscire a fargli capire che la maggioranza di quello che mangiano è costituito da schifezze… Ma da lì a farli decidere di cambiare ce ne passa ancora davvero molto…
Perchè un conto è saperlo e un altro è esserne consapevoli
A queste persone si può rispondere che non si tratta di guardare tutto, si tratta solo di mangiare alimenti e non veleni… E su questo tutti sono d’accordo in genere…
Continuare a mangiare determinate schifezze corrisponde a mangiare veleni.. Quindi non è certo un comportamento da furbi o intelligenti quali credono di essere solitamente queste persone ;-)
Il primo passo è rendersi conto di non sapere, solo in quel modo si è disposti a valutare nuove informazioni, solo in quel modo ci si può accorgere di quanto si viene presi in giro ogni giorno…
Non si tratta di guardare tutto, si tratta di smettere di farsi prendere in giro da un sistema costruito solo ed esclusivamente per fare soldi:
prima di acquistare un televisore la maggioranza delle persone visita più negozi, valuta più modelli, i pro e i contro: valuta più cose possibili! La stessa cosa avviene per una automobile e in maniera maniacale per una casa… Come mai però questo non lo si fà per il cibo che in fondo determina la nostra salute e di conseguenza tutta la nostra vita? Come mai si risponde subito “eh se guardiamo tutto allora…
Non si tratta di guardare tutto fino al più insignificante dettaglio:
nessuno controlla che il nuovo televisore abbia la presa scart a destra piuttosto che a sinistra, ma tutti valutano bene l’ampiezza dello schermo, la chiarezza dell’immagine etc. scartando a priori tutti i modeli che non sono all’altezza, poi sarà molto meno importante se uno pesa 5 kg e l’altro 4…
Questo per dire che esistono delle priorità, e questo vale anche e soprattutto per il cibo: è un comportamento completamente da stupidi quello di non valutare nessun aspetto della qualità del cibo che mangiamo per il semplice motivo che valutare tutti gli aspetti sarebbe impossibile…
Quello che è importante, è valutare le cose più importanti, poi tutti sanno che oggi anche gli alimenti più biologici del mondo sono in qualche modo contaminati dall’inquinamento dilagante.
Un conto però è mangiare quegli alimenti che possiamo dire hanno un tasso di tossicità pari per esempio a 5 ( alimenti biologici-biodinamici, prodotti nel modo più naturale possibile, che prendiamo come il meglio ottenibile oggi) e un altro è mangiare quelli che hanno un tasso di tossicità pari a 80 (alimenti industriali prodotti con metodi moderni mettendo al primo posto il guadagno e non la salute,la logica del denaro e non la logica della vita)
Quindi ancora una volta, non si tratta di guardare tutto fino al più piccolo dettaglio, ma nemmeno di far finta di non vedere ciò che è evidente e grande come una casa: un sacco di alimenti moderni sono altamente pericolosi per la nostra salute!
Purtroppo non tutte le persone riescono a capire questo semplice discorso, quelle che non lo capiscono e si intestardiscono a continuare a mangiare di tutto lo capirano quando per loro verrà il momento giusto, inutile insistere, spesso è solo energia sprecata.
Nel mio programma completo “L’inganno nel cibo” sono presenti le ricette per un mese intero, tutte realizzate con alimenti che si possono definire sani, ognuna di esse smentisce la frase “beh se guardiamo tutto allora non dovremmo mangiare più niente…”  ;-)

Nessun commento:

Posta un commento