venerdì 30 gennaio 2015

ARCHEOLOGI–SUB SCOPRONO I RESTI DELL’ESERCITO EGIZIANO DELL’ESODO BIBLICO NEL MAR ROSSO

Il Ministero per le Antichità egiziano ha annunciato in questi giorni che un team di archeologi subacquei ha scoperto ciò che rimane di un grande esercito egiziano del 14 ° secolo aC, nella parte inferiore del Golfo di Suez, a 1,5 km al largo dalla città di Ras Gharib. Il team era alla ricerca di resti di navi e manufatti antichi legati alla pietra ed al commercio del bronzo nella zona del Mar Rosso, quando sono incappati in una gigantesca massa di ossa umane, seminascoste dall’oscurità e dalla vegetazione marina cresciuta per la grande età dei reperti.
Gli scienziati, coadiuvati dal professor Abdel Muhammad Badia della Facoltà di Archeologia dell’Università del Cairo, hanno già recuperato un totale di più di 400 scheletri diversi, così come centinaia di armi e pezzi di armatura ed i resti di due carri da guerra, il tutto sparso su una superficie di circa 200 metri quadrati. Si stima che più di 5000 altri corpi potrebbero essere dispersi su un’area più vasta, il che suggerisce che un esercito di grandi dimensioni ha trovato la sua fine in questo sito.
Tra i ritrovamenti anche armi di materiali e lavorazioni pregiate, sicuramente quindi appartenute a personaggi importanti, nonché i resti di un carro da guerra riccamente decorato, aspetto che ne riconduce l’appartenenza ad un principe o ad un nobile.
Molti indizi presenti sul sito hanno portato il professor Badia ed il suo team a concludere che i corpi potrebbero essere collegati al famoso episodio dell’Esodo dall’Egitto: anzitutto, gli antichi soldati sembrano essere morti all’asciutto, poiché nessuna traccia di imbarcazioni o navi è stata trovata nella zona, inoltre, la posizione dei corpi ed il fatto che siano stati trovati bloccati in grosse masse di argilla e roccia, suggerisce che sarebbero potuti morire a causa di una colata di fango o di un maremoto.
Il numero di ferite e fratture sui corpi indica inoltre che l’antico esercito perì su questo sito in modo drammatico e brutale, corroborando così la versione biblica della traversata del Mar Rosso, secondo cui l’esercito del faraone egiziano venne travolto dal ritorno delle acque che Mosè separò. Rimane comunque un dato di fatto certo: questa nuova scoperta indica che un esercito egiziano di grandi dimensioni è stato distrutto dalle acque del Mar Rosso durante il regno del re Akhenaton.
Per secoli, il famoso racconto biblico della traversata del Mar Rosso è stato interpretato dagli studiosi e dagli storici più come simbolico che storico, ma questa sorprendente scoperta obbliga quantomeno a considerare l’ipotesi che uno dei più famosi episodi del Vecchio Testamento sia, in effetti, basato su un evento storico.
Le operazioni di ricerca ovviamente continueranno nei prossimi anni, come il professor Badia e il suo team hanno già annunciato, con il desiderio di recuperare il resto dei corpi e dei manufatti da un sito subacqueo che già si è dimostrato come il più ricco ed interessante degli ultimi decenni.
http://www.welovesharm.it/

Nessun commento:

Posta un commento